Lanzarote

Lanzarote è l’isola più orientale delle Canarie ed è quarta nella sua estensione. Deve il suo nome ad un navigatore che la scoprì nel 1312, Lanzerotto Malocello, che ci visse per vario tempo. Un’altra persona che ha contribuito al miglioramento dell’aspetto di Lanzarote è César Manrique, un architetto locale,  grazie anche a lui l’isola è stata nominata riserva della biosfera dell’UNESCO. La sua capitale è Arrecife che con i suo edifici moderni e le vie affollate è il centro amministrativo e commerciale della città. Oltre al suo aspetto moderno questa splendida città conserva anche il suo aspetto antico con due storici fortini che sono il Castillo San Gabriel e il Castillo de San José. Altre cose interessanti che possiamo vedere a Lanzarote sono la Playa Blanca, il Parque Nacional de Timanfaya, Puerto del Carmen, meta turistica dove soggiornano molti visitatori, Playa Papagayo, le caverne di Jameos del Agua, Mirador del Rìo e la Fundacion César Manrique.

Da Vedere

Puerto del Carmen

puerto del carmenPuerto del Carmen come gà detto in precedenza è la principale meta turistica dell’isola. Un tempo era un villaggio di pescatori ed oggi con i suoi bar, negozi, il centro commerciale (Biosfera Plaza) e i suoi ristoranti è diventato un vero e proprio polo turistico. La strada principale, la Avenida de las Playas, è lunga ben 7 chilometri con spiagge, bar e negozi da un lato e dall’altro troviamo le attrazioni turistiche. Se andiamo nella parte vecchia troviamo il porto e diversi pontili dove ci sono ristoranti in cui si possono gustare ottimi piatti sulle terrazze con vista direttamente sul porto e sul mare. Per i turisti più giovani che amano la vita notturna ci sono anche molti locali che chiudono alle 6 di mattina.

Playa Blanca

Playa Blanca come Puerto del Carmen era originariamente un villaggio di pescatori. Indubbiamente questo luogo è per quelle persone che vogliono godersi bellissime spiagge con la propria famiglia in totale relax. Anche se ci sono molti bar, caffè e ristoranti. dove poter degustare ottimi piatti di pesce, le notti sono molto silenziose poichè i locali sono ben distanti tra loro. Non molto distante da Playa Blanca troviamo una delle spiagge più famose di Lanzarote, Playa Papagayo,  una piccola baia a mezzaluna con sabbia fine e mare calmo grazie alle colline vulcaniche che la proteggono dal vento. Per arrivare in queste spiagge è consigliabile l’uso di una jeep in quanto le strade sono sterrate.

Parque Nacional de Timanfaya

Il Parco Nazionale di Timanfaya è un’escursione assolutamente da non perdere se vi trovate a Lanzarote. Dal 1730 al 1736 l’isola subì varie eruzioni vulcaniche e ben undici villaggi furono seppelliti dalla lava, nessuno restò ucciso ma gli abitanti cominciarono ad emigrare. Oggi questi vulcani sono tra le l’attrazioni più importanti di Lanzarote e sono conosciute con il nome di Montañas de Fuego e fanno parte del Parco nazionale fondato nel 1974. L’entrata del parco si trova a nord del villaggio di Yaiza e si può salire in cima ai pendii vulcanici con il cammello da dove si gode un bellissimo panorama sul parco. All’islote de Hilario vi è anche un ristorante panoramico El diablo.

Orari d’apertura: tutti i giorni dalle 9:00 alle 17:45. in estate dalle 9:00 alle 19:00.

Biglietti: bambini dai 7 ai 12 anni Euro 4; adulti Euro 8.

Jameos del Agua

Gli Jameos del Agua sono il primo il centro d’arte, cultura e turismo creato da César Manrique, dove la natura e la creazione artistica si fondono dando vita a questa meraviglioso luogo. Queste caverne laviche si trovano all’interno del tunnel vulcanico (tra i più lunghi al mondo) creato dall’eruzione del vulcano Monte Corona. All’interno troviamo tre cavità: il Jameo Grande, il Jameo Chico e il Jameo de la Cazuela. Ci sono anche una piscina bordata di palme, un ristorante e un night. Vi è inoltre una laguna di acqua marina dove possiamo scorgere dei granchi bianchi di una specie molta rara. Vicino troviamo anche la Cueva de los Verdes, anch’essa nata dall’eruzione del vulcano Monte Corona. Al suo interno si possono osservare lagune sotterranee illuminate da una luce sfumata verde, da cui prende il nome. Nell’antichità questa grotta veniva utilizzata dai pirati per difendersi dagli attacchi nemici, oggi troviamo un auditorium con capienza di 1000 persone e viene utilizzato per le manifestazioni musicali.

Jameos del Agua

Orari d’apertura: orario diurno tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:30 – orario notturno martedi venerdi e sabato dalle 19:00 alle 2:00.

Biglietti: visita diurna bambini dai 7 ai 12 anni Euro 4; adulti Euro 8 – visita notturna bambini Euro 4,50; adulti Euro 9.

Cuova de los Vedes

Orari d’apertura: tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00.

Biglietti: bambini Euro 4; adulti Euro 8.

Mirador del Río

Il Mirador del Río si trova nella parte più settentrionale dell’isola nella parte alta del Risco de Famara, da dove si possono vedere i panorami più spettacolari che offre Lanzarote. Anche questa creazione è ad opera di César Manrique dove integra,ancora una volta, natura ed arte. Nascosta tra le rocce troviamo la costruzione dell’architetto. Al suo interno troviamo nicchie decorate con ceramiche, due ampi spazi a volta con due grandi finestre in vetro dalle quali si può godere di un bellissimo panorama . Non mancano la caffetteria e un negozio di souvenir davvero molto grazioso dal quale si possono comprare oggetti molto curiosi.

Orari d’apertura: dalle 10:00 alle 17:45.

Biglietti: bambini dai 7 ai 12 anni Euro 2,25; adulti Euro 4,50.

 

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.
Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>